Search here...
TOP
Best things to do Campania Inspiration Italia

Napoli : cosa vedere nella città partenopea

Ciao ragazzi! Come promesso, torno da voi piena di nuove idee e consigli per il vostro prossimo viaggio a Napoli. In questo nuovo articolo troverete i luoghi imperdibili della città partenopea : dal lungomare Caracciolo al Duomo di Napoli. Buona Lettura !!!

Lungomare Caracciolo

Napoli :

Il lungomare Caracciolo è uno dei punti più suggestivi della città, nonché una delle passeggiate più amate dal popolo napoletano ma sopratutto dai numerosi turisti. 

Il lungomare, lungo circa 3 km, collega il famoso quartiere di Mergellina con Via Caracciolo e fiancheggia la Riviera di Chiaia. Lungo tutto il percorso inutile dire che la vista è impagabile tant’è che è possibile ammirare il Vesuvio, l’isola di Capri, la collina dei Posillipo (situata alle spalle di Mergellina) ma soprattutto il Borgo Marinari con il suo famoso Castel dell’Ovo, simbolo del panorama partenopeo. 

Lungo il percorso, alzando un po’ lo sguardo all’insù, è possibile inoltre avere una visione d’insieme sul quartiere del Vomero con il suo Castel Sant’Elmo, di cui parleremo più avanti. 

Consiglio vivamente a chi soggiorna nelle zone di Mergellina, di prendersi il tempo di passeggiare sul lungomare per raggiungere il centro della città. Il tragitto non è lungo, sono circa 20-30 min a piedi fino al Castel dell’Ovo, ma credetemi che ne varrà la pena. Lungo il percorso fermatevi ad osservare il panorama ma soffermatevi anche a vedere le numerose imbarcazioni di pescatori locali che cercano di pescare lungo la riva. Un’esperienza davvero autentica. 

Castel dell’Ovo

Napoli :

Il Castel dell’Ovo, simbolo del panorama partenopeo, è un maestoso castello situato sull’isolotto di Megaride, accanto al Borgo Marinari. Costruito intorno al 1128, deve il suo nome ad una leggenda risalente al 300 a.C. : la leggenda dell’uovo

“Un’antica leggenda vuole che il suo nome derivi dal fatto che il poeta latino Virgilio avesse nascosto nelle segrete dell’edificio un uovo magico che aveva il potere di mantenere in piedi l’intera fortezza. La sua rottura avrebbe però provocato non solo il crollo del castello, ma anche una serie di rovinose catastrofi alla città di Napoli.”

https://it.wikipedia.org/wiki/Castel_dell%27Ovo 

Una storia davvero molto interessante quella che si cela dietro questa maestosa costruzione che merita sicuramente di essere approfondita!

Il Castello è accessibile gratuitamente al pubblico. Molti sono gli angoli da scoprire e da fotografare. Vi consiglio di visitare ogni livello del castello per poi soffermarvi soprattutto sulla terrazza dei Cannoni, la più alta zona del castello. Da qui vi si aprirà un magnifico panorama sulla città di Napoli, sul Vesuvio sul Golfo e sull’isola di Capri

Napoli :

Gli orari di apertura sono i seguenti :  – dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 18.00 – la domenica e i giorni festivi dalle 9.00 alle 13.00

Il Castel dell’Ovo ubicato in Via Eldorado, 3 ed è possibile accedervi dal lungomare Caracciolo. I vari livelli del castello sono accessibili a piedi, ma è presente anche una accesso via ascensore per le persone con difficoltà motorie. 

Per più informazioni pratiche : 081.7956180 – 081.7956181 – 081.7957776 casteldellovo@comune.napoli.it cultura@comune.napoli.it

Consiglio : prima di calcare il ponte che permette di accedere all’isolotto di Megaride, vi consiglio di assaporare una spremuta di agrumi, fresca e dissetante servita nei chioschi temporanei sulla passeggiata. Vi darà la carica per affrontare le numerose scale del castello! 

Borgo Marinari 

Napoli :

Adiacente al Castel dell’Ovo sull’isolotto di Megaride, il Borgo Marinari non è altro che una vecchia marina di pescatori situata nel quartiere Santa Lucia utilizzata spesso come cornice per numerosi film d’autore come “Napoli Milionaria” e “Pensavo fosse amore e invece era un calesse”. Qui è possibile trovare numerosi ristoranti che propongono una cucina mediterranea basata sul pesce fresco in una cornice rilassante e suggestiva.

Tra i più conosciuti troviamo : Zi Teresa (https://www.ziteresa.it), La Bersagliera (https://www.labersagliera.it), Transatlantico (https://www.transatlanticonapoli.com), & La Scialuppa (https://www.lascialuppa.net). 

Porto di Napoli

Napoli :

Il porto di Napoli non è proprio uno dei luoghi d’interesse d’eccellenza della città ma è sicuramente il punto di partenza di numerosi traghetti che vi permetteranno i collegamenti con destinazioni d’eccellenza come Capri, Ischia, Procida ma anche con la Costiera Amalfitana. L’area complessiva, che si estende per oltre 200 000m2, comprende 14 moli differenti. Tra questi, i principali che vi potranno essere utili per i vostri spostamenti saranno Molo Beverello, situato di fronte al Castel Nuovo/Maschio Angioino e Calata Porta di Massa

Per quanto riguarda gli orari e i costi di traghetti e aliscafi vi consiglio di visitare il sito seguente : https://www.traghetti-napoli.net

Castel Nuovo

Napoli :

Il Castel Nuovo, chiamato anche Maschio Angioino, è di sicuro uno dei più imponenti castelli di Napoli. Il Castello è situato nel centro di Piazza del Municipio, posizione strategica nel cuore della città, a due passi dal porto e da Piazza del Plebiscito. Costruito sul volere di Carlo I d’Angiò nel 1266, il suo scopo primario era quello di difendere la città da eventuali attacchi esterni. Ristrutturato più volte nel corso degli anni, oggi è sicuramente uno dei simboli della vita cittadina poiché ospita numerosi eventi e spettacoli di carattere pubblico. Il castello è aperto al pubblico ed è possibile visitare le molteplici aree che si trovano al suo interno come la Sala dei Baroni o la Cappella Palatina. Il sito si trova in Via Vittorio Emanuele III, nel cuore di Napoli.

Personalmente non ho visitato gli interni del castello. Mi sono limitata a circondarne il perimetro, ammirandone la maestosità dall’esterno. In caso siate appassionati di storia o di arte vi invito ad informarvi sugli orari di apertura e sul costo di entrata sul sito ufficiale del Comune di Napoli http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/28829

In linea generale, il costo del biglietto d’ingresso è di 6€ a persona per l’itinerario museale mentre gli orari di apertura sono i seguenti :  – dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 19.00 (La biglietteria chiude alle 18.00) – la domenica e i giorni festivi : dalle 9.00 alle 14.00 (Verificare prima)

Nota bene : Esiste un’iniziativa chiamata “Domenica al Museo”, messa in atto dal Ministero per i beni e le Attività Culturali e per il Turismo, che prevede l’ingresso gratuito nei luoghi della cultura dello Stato ogni prima domenica del mese. Anche a Napoli, porte aperte ai siti museali, tra cui il Maschio Angioino. Per più informazioni : https://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_1002839395.html

Piazza del Plebiscito

Napoli :

Cuore e simbolo per eccellenza della città partenopea, Piazza del Plebiscito è sicuramente uno dei luoghi di interesse che più lascia senza fiato. Sarà la sua immensa struttura circolare di 25 000 m2 o il fatto che sia circondata da monumenti storici quali il Palazzo Reale e la Basilica di San Francesco di Paola, a renderla una delle più belle e conosciute della città.

Ubicata nel centro storico della città, questa piazza è stata per anni teatro di numerose feste popolari. Con il passare del tempo, la piazza divenne sede di numerosi spettacoli di musica all’aperto, ai quali assistevano i più illustri esponenti dell’epoca. È proprio durante questo periodo, di maggiore splendore, tra il 1890 e il 1930, che venne aperto il celebre caffè letterario Gambrinus, classificato tutt’ora come un luogo d’interesse da visitare assolutamente. 

Consiglio: Vi suggerisco di fermarvi al Gran Caffè Gambrinus per una pausa caffè o semplicemente per una bella merenda….Qui potrete assaporare l’autentico caffè napoletano accompagnato da una sfogliatella riccia o frolla…Non ve ne pentirete di sicuro! 

Napoli :

Teatro San Carlo

Napoli :

Il Teatro San Carlo, è situato nel cuore della città, a pochi passi da Piazza del Plebiscito e dalla Galleria Umberto I.

Tra uno dei teatri più famosi del mondo, la sua costruzione risale al 1737 su volontà del Re Carlo III di Borbone, la cui aspirazione era quella di trasformare la città in una grande capitale europea. Tenori di rilievo come Luciano Pavarotti, Enrico Caruso e Maria Calla ebbero l’onore di andare in scena su questo meraviglioso “Palco Reale”.

Il teatro è tutt’ora funzionante e ospita ogni anno spettacoli di vario genere : opera, danza, concerti e altri eventi. È, inoltre, possibile visitare il teatro grazie alle numerose visite guidate organizzate ogni giorno in dodici turni di 30 min. Per più informazioni sulle visite guidate vi consiglio di recarvi sul sito ufficiale del teatro https://www.teatrosancarlo.it/it/pages/visite-guidate.html.

Inoltre, è possibile assistere ai numerosi spettacoli che si susseguono durante l’anno acquistando biglietti singoli oppure abbonamenti annuali. Per più informazioni sulla programmazione e sul costo dei biglietti : https://www.teatrosancarlo.it/it/season/prossimi-spettacoli.html.

Indirizzo : Via San Carlo, 98/F

Contatti/Orari : Biglietteria Dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 21.00
La domenica e i festivi : dalle 10.00 alle 18.00
Tel: +39 081 7972331 – 421 Email: biglietteria@teatrosancarlo.it

Contatti/Orari : Visite Guidate
Tel: +39 081 7972412 – 421 Email: visiteguidate@teatrosancarlo.it

Palazzo Reale

Situato in Piazza del Plebiscito, il Palazzo Reale fu fondato nel 1600 per ospitare i Re di Spagna e definitivamente finito nel 1858. Il Palazzo Reale può essere visitato al suo interno. L’Appartamento Reale, la Cappella Reale e i giardini sono sicuramente imperdibili.

Per più informazioni :

https://www.beniculturali.it/mibac/opencms/MiBAC/sito-MiBAC/Luogo/MibacUnif/Luoghi-della-Cultura/visualizza_asset.html?id=153871&pagename=157031

Consiglio : se restate a Napoli solo qualche giorno e non siete amanti dell’arte vi consiglio di dare un’occhiata a questo monumento dall’esterno e utilizzare il tempo che avete a disposizione per vedere altri angoli della città.

Galleria Umberto I 

La Galleria Umberto I è un’antica galleria commerciale che risale alla fine dell’800 e deve al suo nome al Re Umberto I che ne ordinò la costruzione. La galleria è accessibile da quattro ingressi, tra cui uno su Via Toledo, una delle più importanti e conosciute vie della città. L’accesso principale si apre invece su via San Carlo, di fronte all’omonimo teatro.

Oggigiorno la galleria ospita numerosi bar, ristoranti e negozi di abbigliamento. A livello artistico, quest’opera architettonica è caratterizzata da un elegante pavimento a intarsi marmorei e da un’imponente cupola in vetro e ferro. La Galleria è aperta al pubblico.

Consiglio : se vi recate alla Galleria Umberto I vicino all’ora della merenda vi suggerisco di assaggiare la sfogliatella di “Sfogliatella Mary” oppure se preferite un buon caffè non esitate a provare il caffè caldo freddo della “Caffetteria Umberto”.

Indirizzo : Galleria Umberto I (ingresso da via San Carlo, 15 –80132 Napoli e da via Toledo 257, di fronte al Teatro Augusteo)

Via Toledo

“Dopo cena ho passeggiato per un’ora in via Toledo. Folle di gente, si può a malapena distinguerla da Broadway.”

Herman Melville, scrittore, poeta e critico letterario statunitense noto   per aver scritto il romanzo Moby Dick. 

Considerata come una delle vie più frequentate della città, Via Toledo si sviluppa per 1,2 km tra Piazza Dante e Piazza Trieste e Trento, a due passi da Piazza del Plebiscito e dal Palazzo Reale.

Icona di stile, la via presenta numerosi negozi di abbigliamento intervallati da bar, ristoranti tipici, pasticcerie e gelaterie. La via è in gran parte isola pedonale ed è facile raggiungerla anche con la metro, grazie ad una fermata dedicata “Toledo” della linea 1.

Consiglio : lungo tutta la via, numerose sono le gelaterie che vi sapranno offrire con il loro gelato artigianale esperienze sensoriali uniche per tutti i tipi di palato. Tra tutte le più conosciute sono sicuramente : Fantasia Gelati e Casa Infante. Andate a farvi un giro sulle loro pagine Instagram, troverete sicuramente la vostra ispirazione : https://www.instagram.com/fantasiagelati/ & https://www.instagram.com/casainfante_/

Metro di Napoli : Toledo

“La stazione metropolitana più bella d’Europa”

Daily Telegraph

Grazie al suo titolo di fama internazionale, la stazione di Toledo è ormai diventata a tutti gli effetti un Must della destinazione.

La stazione è infatti decorata sui toni del blu, del nero e dell’ocra presentando numerosi punti di interesse artistico. I mosaici presenti nella stazione, creati dal William Kentridge, giocano con la rifrangenza luminosa. Funzionante dal 2012, la stazione è un vero e proprio gioiello che vi consiglio davvero di visitare.

Per poter accedere alla stazione è necessario acquistare un biglietto metro. e scendere verso i binari. Pertanto, vi suggerisco di farci un salto quando avrete in programma di spostarvi con la metro da/per Via Toledo.

Indirizzo : Largo Enrico Berlinguer 

Quartieri Spagnoli 

Costruiti nel centro storico di Napoli e accessibili tramite Via Toledo, i Quartieri Spagnoli sono uno dei simboli più importanti della città che permettono di assaporare la Napoli più vera ed autentica.

Questi quartieri densamente popolati, furono inizialmente costruiti durante il dominio spagnolo per fornire alloggi ai numerosi militari dell’epoca e furono teatro di numerosi scontri e delitti. Tutt’oggi la nomea dei quartieri spagnoli non è molto cambiata. C’è da dire però che durante i miei due viaggi non ho avuto nessun tipo di problema. Si nota lo sforzo della città e dei cittadini per poter rendere questo quartiere un luogo sicuro.

Vi consiglio semplicemente di prestare attenzione e di non allontanarvi troppo dai sentieri battuti….raccomandazioni utili per qualsiasi città densamente popolata, non solo per Napoli. La cosa bella delle abitazioni che si scorgono all’interno dei quartieri spagnoli è che ti permettono di assaporare l’autenticità del territorio : panni appesi sui fili,  case molto colorate e vicine le une alle altre, vicoli stretti, tipiche botteghe artigianali e ristoranti che servono la cucina autentica napoletana.

Consiglio : Se vi trovate qui vicino per l’ora di pranzo dovete assolutamente provare l’esperienza di mangiare nella trattoria “Da Nennella”. Semplicità, risparmio e autenticità sono i caratteri fondamentali della tradizione di questa trattoria. https://www.trattoriadanennella.it/.

Un quartiere vivace e colorato che vi saprà sicuramente far sorridere ed emozionare.

Indirizzo : I Quartieri sono racchiusi tra Montesanto, via Toledo, via Chiaia e Corso Vittorio Emanuele. Per darvi un riferimento più concreto, è possibile accedervi dalle vette situate di fronte alla stazione metropolitana di Toledo, uscita Via Toledo. 

Pignasecca

Questa zona centralissima a due passi da Via Toledo, è conosciuta per il suo pittoresco mercatino alimentare, il più antico di Napoli. Uno scenario sicuramente suggestivo, autentico e folcloristico. Se ne avrete l’occasione assaporate i sapori locali e scambiate due parole con la gente del posto. Sicuramente il modo migliore per fare del turismo responsabile.

“Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”

Marcel Proust

Il termine “Pignasecca” deriva da un’antica leggenda popolare.

“Su questo terreno c’era una pineta grande e fitta, popolata da tantissime gazze. Si narra che il vescovo fece affiggere sul pino più alto una scomunica. Dopo tre giorni dall’evento, la pineta morì. I pini seccarono, le gazze sparirono, lasciando solo una distesa di terra arida e vuota: la Pignasecca.”. – https://www.visit-campania.it/pignasecca-napoli-tra-storia-e-leggenda/ 

Indirizzo : Via Pignasecca, 28

Spaccanapoli

Il cuore pulsante di Napoli è sicuramente il quartiere Spaccanapoli. Il nome allude al fatto che questa via taglia in due il centro storico della città, segnando una linea retta che va dai Quartieri Spagnoli al quartiere di Forcella. Questo particolare si può notare perfettamente se osservato dall’alto. Vi consiglio infatti, per ammirarne tutta la sua bellezza di recarvi sulla terrazza del Castel Sant’Elmo, di cui parleremo più avanti.

Questo quartiere ospita al suo interno numerosi punti di interesse : Via San Gregorio Armeno, il Monastero Santa Chiara, la Napoli Sotterranea e non solo.

Monastero di Santa Chiara

Il Chiostro del Monastero di Santa Chiara

Situata nel cuore del centro storico napoletano, il Complesso Monumentale di Santa Chiara fu costruito intorno al 1300 per volontà del re Roberto d’Angiò. Inizialmente caratterizzata da uno stile gotico, venne ripresa nel tempo acquisendo ulteriori dettagli di aspetto barocco. A seguito di un bombardamento aereo, il monastero venne distrutto e ricostruito secondo le sue sembianza originali.

Il Monastero racchiude al suo interno la Chiesa gotica, il monastero e il convento. Il chiostro è caratterizzato da 66 archi a sesto acuto che poggiano su pilastri rivestiti da maioliche con scene vegetali. Per visitare il complesso monumentale è necessario un biglietto d’ingresso, mentre l’accesso alla basilica è aperto a tutti e gratuito. 

Orari di apertura :  – dal lunedì al sabato dalle ore 9.30 alle ore 17.30 – la domenica : dalle ore 10.00 alle ore 14.30  (Fate attenzione poiché la biglietteria chiude sempre mezz’ora prima) Ingresso (tariffa intera) : 6€ 

Per più informazioni su sui costi dei biglietti, gli orari di apertura e lo svolgimento delle visite guidate : http://www.monasterodisantachiara.it

Indirizzo : Via S. Chiara, 49 

San Gregorio Armeno

Via San Gregorio Armeno è situata nel cuore del centro storico. Conosciuta nel mondo intero per le sue botteghe artigiane di presepi di ogni forma e dimensione, è sicuramente il simbolo del Natale. Gli artigiani locali costruiscono infatti tutto l’anno tipici presepi in sughero.

I pastori che contraddistinguono questi presepi hanno sembianze così come significati diversi : calciatori, personaggi famosi, personalità religiose, simboli della tradizione… Facilmente raggiungibile da Via Toledo a piedi, questa via è ricca di storia e fascino tanto da essere stata dichiarata “Patrimonio dell’Umanità” dall’Unesco.

Qui si respira un’atmosfera magica…soprattutto durante il periodo natalizio. Nel sottosuolo di Via San Gregorio Armeno si apre un mondo sotterraneo molto affascinante : la Napoli Sotterranea, di cui parleremo successivamente.

Indirizzo : Via San Gregorio Armeno

Napoli Sotterranea

Napoli Sotterranea è senza dubbio una tappa obbligatoria della città partenopea. Una vera e propria città sepolta di epoca romana che venne riportata alla luce verso la fine del 1900. Due strade romane e numerose botteghe sono alcune delle zone che ricordano la vita in città. Perfettamente conservati, questi resti attirano ogni anno moltissimi turisti internazionali. La Napoli Sotterranea conserva un fascino incredibile e vi consiglio di visitarla nel vostro prossimo soggiorno qui poiché è davvero unica nel suo genere

Per poterla visitare è necessario acquistare un biglietto per un tour di 2h, online o direttamente in loco. Per più informazioni inviate una mail a : info@napolisotterranea.org.

Consiglio : Vi suggerisco di indossare scarpe comode, poiché i percorsi sono comunque stretti e irregolari. Inoltre, essendo in un livello sotterraneo vi consiglio di coprirvi bene…fa un pò freschino. 

Ingresso : Accanto alla Basilica di San Lorenzo Maggiore

Via dei Tribunali

L’antico Decumano Maggiore che attraversava l’antica città greca di Neapolis nel V secolo a.C, è oggigiorno Via dei Tribunali. Situata nel cuore del centro storico di Napoli, è situata nei pressi della Napoli Sotterranea e di Via San Gregorio Armeno. Considerata una delle strade più famose della città, Via dei Tribunali ospita chiese antiche, palazzi storici ma anche pizzerie e trattorie tipiche.

Vi consiglio di provare la famosa Antica Pizzeria Gino Sorbillo, che sforna ogni giorno una delle pizze più buone della città. Se vorrete gustare una delle loro specialità, vi consiglio di recarvi in loco in anticipo, magari in un giorno infra-settimanale, poiché è una delle pizzerie più famose della città e non accettano prenotazioni. Per più informazioni vi consiglio di visitare il loro sito internet https://www.sorbillo.it oppure la loro pagina instagram con golose ispirazioni per la vostra prossima cena gourmet https://www.instagram.com/sorbillo/?hl=fr. 

Cappella Sansevero & Cristo Velato

Napoli :

La Cappella Sansevero è uno dei monumenti religiosi più conosciuti della città. Al suo interno ospita un’opera scultorea davvero affascinante realizzata dall’artista Giuseppe Sanmartino, il Cristo Velato.

Personalmente non ho avuto occasione di visitarla al suo interno, ma sicuramente non perderò occasione la prossima volta. È possibile accedervi acquistando un ticket di entrata sul sito ufficiale https://www.museosansevero.it/cappella-sansevero/

Orari di apertura : Tutti i giorni dalle 9 alle 19. Il sabato dalle 9 alle 20.30 (in stagione). Martedì chiuso. Ultimo ingresso : 30 min prima della chiusura. Biglietto ordinario : 8€  Per più informazioni su orari e tariffe : https://www.museosansevero.it/orari-e-tariffe/ 

Indirizzo :  Via Francesco De Sanctis, 19/21

Castel Sant’Elmo

Napoli :

Costruito sulla collina del Vomero, nel Largo San Martino, la particolarità di questo Castello, oltre alla sua imponente struttura è sicuramente la vista che si può godere dalla sua terrazza. Risalente al periodo medievale, Castel Sant’Elmo, fu utilizzato come prigione per anni fino a diventare un museo che ospita tutt’ora opere d’arti di grande bellezza.

Ho visitato personalmente questo Castello durante il mio ultimo soggiorno in città, e credo sia stata una magnifica scoperta. Camminare sulla sua terrazza che circonda il perimetro del Castello vi permetterà di ammirare la città a 360° : i suoi tetti colorati, i suoi autentici quartieri, il Vesuvio, l’isola di Capri, quella di Procida e non solo… Vi suggerisco di recarvi a Castel Sant’Elmo il primo giorno del vostro soggiorno, vi sarà utile per reperirvi meglio in città e capirne al meglio la sua struttura. 

Per poter accedere a Piazza d’Armi e alla terrazza del castello è necessario acquistare un ticket del valore di 5€ in biglietteria. Per più informazioni su orari e costi vi consiglio di consultare il sito internet http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/biglietti-orari-info-santelmo

Orari di apertura : tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Ultimo ingresso alle 18.30. 

Indirizzo : Via Tito Angelini, 22

Vomero

Napoli :

Il quartiere del Vomero si innalza su una collina e domina Napoli dall’alto. Considerata come la zona più densamente popolata della città, questo quartiere è perfettamente collegato alle altre zone tramite funicolari e metropolitane.

Questa zona residenziale elegante dallo stile Liberty è caratterizzata da viali alberati a traffico limitato, negozi per lo shopping, zone panoramiche e ristoranti raffinati. Vi suggerisco di fare un salto in questo quartiere per godervi una rilassante passeggiata nella zona pedonale ricca di negozi ma soprattutto per ammirare splendidi punti panoramici come quello del Castel Sant’Elmo, punto più alto della zona.

Piazza Vanvitielli è sicuramente una delle zone più conosciute del quartiere ed è anche la fermata della metro Linea 1 che vi permetterà di raggiungere facilmente il Vomero dal centro città. 

La Pedamentina a San Martino e il Belvedere

“Diagonali e passaggi segreti, un cammino che esiste da sempre, il tesoro della città antica.”

La città obliqua di Edoardo Bennato. 

Uno storico percorso pedonale di 414 scalini che collega il Vomero con Spaccanapoli. L’inizio del percorso è in corrispondenza della Certosa di San Martino, dalla quale è possibile ammirare un panorama mozzafiato sulla città di Napoli. La sua costruzione risale al XIV secolo e per questo è sicuramente una testimonianza storica importante.

Personalmente non ho ancora avuto l’occasione di passeggiare lungo questo percorso, ma non perderò occasione nel mio prossimo viaggio.

Indirizzo : Via Pedamentina S.Martino, 33

Duomo di Napoli

Napoli :

Il Duomo di Napoli è una maestosa struttura risalente al 1300. La sua imponente facciata è altra circa 50 metri ed è composta di tre portali che collegano alle navate della cattedrale. Il duomo presenta una pianta a croce latina a tre navate, tipica del periodo trecentesco. Sotto il livello stradale, si cela un’area archeologica con molti resti di epoca romana tra cui il tempio di Apollo. È possibile accedere al Duomo gratuitamente mentre per gli scavi è necessario un ticket d’ingresso.

Per più informazioni su orari e costi visitate il sito ufficiale del Museo San Gennaro : https://museosangennaro.it/info/

Indirizzo : Via Duomo, 147

Porto di Mergellina

Mergellina è una famosa zona della città di Napoli, situata in riva al mare ai piedi della collina di Posillipo. Dotata di un porto dal quale si può raggiungere comodamente l’isola di Ischia, questa zona a mio avviso possiede un fascino indescrivibile.

Consiglio : in questa zona si trova il famoso Chalet Ciro, fondato nel 1952. Ormai punto di riferimento dei napoletani e non solo, questo bar propone alla sua clientela una vasta scelta di dolci per una colazione da re : graffe, babà, sfogliatelle, cassate…. Io ho ordinato una bella graffa e credetemi è stata una delle cose più buone e golose che io abbia mai mangiato !

Napoli :

Posillipo

Il quartiere di Posillipo è sicuramente uno dei quartieri più eleganti e prestigiosi della città, caratterizzato da dimore private, ville lussuose e hotel a 5 stelle. La collina su cui sorge questo quartiere può essere sudidivisa in quattro villaggi: Villanova di Posillipo o Porta di Posillipo, Casale di Posillipo, Santo Strato ed il famoso Marechiaro. Il quartiere pullula di punti panoramici incredibili dov’è possibile ammirare scorci magnifici sul Golfo di Napoli.

Posillipo non è considerata una zona centrale, pertanto vi consiglio di recarvi in auto o in taxi per poi passeggiare per esempio lungo Via Petrarca e Via Orazio, due strade superpanoramiche.

Villa Volpicelli

Nota per ospitare numerose riprese della famosa serie storica “Un Posto al Sole”, Villa Volpicelli alias Palazzo Palladini, è un’imponente struttura architettonica situata nel quartiere di Posillipo. Presente nel panorama Partenopeo già dal 1629, questa splendida villa è molto interessante sia per il suo aspetto, che ricorda una fortezza, sia per i giardini pensili visibili unicamente dall’interno ma soprattutto per il sito in cui è ubicata. Il panorama che si apre da questo punto è incredibilmente mozzafiato. Essendo una dimora privata, è difficile accedervi se non in determinate occasioni, quali eventi privati, matrimoni, o le visite sul set di “Un posto al Sole”. 

Trovo che sia una tappa imperdibile durante i soggiorni in città. Tuttavia, raggiungere questo luogo non è poi così facile con i mezzi pubblici. Si consiglia infatti l’utilizzo di un mezzo quale auto o taxi. 

Indirizzo : Via Ferdinando Russo 4

My Wanderlust Experience

«

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *